La campagna AI 2020/2021, in continuità con la precedente, si ispira alle persone e al loro loro stile attento al design che fa dell’originalità un elemento imprescindibile del vissuto quotidiano.

Il progetto vede come ambassador quattro personalità, eccellenze nel loro settore, che si impegnano ogni giorno per raggiungere i propri sogni con versatilità, eclettismo e scelte di stile. Dal ballerino al sommelier, dalla music planner alla direttrice d’opera: per ognuno di loro Voile Blanche è parte della quotidianità, un accessorio immancabile per esprimere il proprio stile unico.

Ecco i quattro talenti che accompagnano la collezione di sneakers AI 2020/2021:

EDOARDO CAPORALETTI

All’età di nove anni Edoardo inizia gli studi di danza classica e nel 2007 entra alla Scuola di Danza del Teatro alla Scala, di cui oggi è uno dei ballerini. Per lui la danza è una costante ricerca della perfezione e un’affermazione della sua identità, del suo modo di essere. Allo stesso modo, nelle scarpe cerca leggerezza e personalità per esprimere se stesso.

SYLVIA CATASTA

Nata e cresciuta a Fermo, Sylvia si diploma in flauto traverso al Conservatorio, per poi perfezionarsi anche nello studio dell’ottavino. Allo studio degli strumenti, affianca negli anni quello della composizione e dell’orchestrazione. Nella sua carriera ha collaborato con le più importanti orchestre e con celebri artisti italiani. Per lei, la parte più bella del suo lavoro è il momento in cui il pubblico percepisce esattamente quello che lei aveva in mente di realizzare.

RAFFAELE PAPI

Raffaele Papi inizia il suo percorso nell’azienda di famiglia, nel cuore dell’appennino del Montefeltro, per poi diventare delegato dell’Associazione Italiana Sommelier. Il suo lavoro lo porta ad incontrare tantissime persone con personalità differenti ed a scoprire realtà sempre nuove, esperienze fondamentali per la sua crescita professionale e personale.

BARBARA MINGHETTI

Laureata in filosofia, Barbara è da sempre innamorata del teatro e di tutto ciò che è espressione creativa. Oggi è Presidente del Teatro Sociale di Como e Direttrice Artistica del Macerata Opera Festival, due ruoli che la vedono impegnata nella creazione di progetti innovativi per favorire la partecipazione attiva del pubblico, restituendo all’arte il suo ruolo sociale nella comunità.

Quattro personalità diverse, accomunate dalla passione per il proprio lavoro e dalla ricerca del bello, per esprimere sé stessi e vivere la quotidianità con stile.